Care insegnanti, come sapete il tema del concorso didattico di quest’anno è l’alimentazione sportiva e nasce dalla curiosità di scoprire quali sono gli sport maggiormente praticati, ma anche gli sport insoliti e nuovi in cui si dilettano i nostri ragazzi.
Nell’ideazione dell’atleta di fantasia previsto dal concorso però, non è necessario fare riferimento a sport reali. Tanto più creative saranno le proposte, tanto più alte saranno le possibilità di vincere i premi in palio.

Siete a corto di idee? Forse posso aiutarvi.

Gli sport che vi presento di seguito, sono la dimostrazione che esistono moltissime attività praticabili, oltre a quelle più famose e conosciute.

1. Smolball. Lo smolball è un gioco di squadra che riunisce diverse discipline. Semplice nei meccanismi di gioco ma molto efficace dal punto di vista atletico, ha lo scopo di segnare una rete attraverso una serie di passaggi aerei veloci tra compagni di squadra per mezzo di una piccola racchetta. Non sono previsti contatti fisici e per questo in alcuni casi può essere giocato in formazioni miste, sia in palestra che all’aperto.

2. Orienteering. Una gara di orienteering è a tutti gli effetti una gara di velocità. I concorrenti partono distanziati di alcuni minuti l’uno dall’altro e devono raggiungere nel minor tempo possibile il traguardo dopo essere passati da una serie di punti prefissati contrassegnati da delle lanterne di carta. Questi punti sono segnati su una cartina che viene consegnata dagli organizzatori a ogni atleta prima dell’inizio della gara. Per dimostrare di essere passati dai punti di controllo assegnati, il concorrente dovrà “punzonare” il proprio cartellino (testimone) con un apposito attrezzo posto vicino alla lanterna.

3. Bashi. Molto simile al tennis, si gioca in squadre composte da 12 persone. Due persone sono battitrici e devono battere la palla nel campo avversario di schiena. Se per 12 volte le persone della squadra avversaria non riescono a prendere la palla al volo, la squadra alla battuta ottiene il diritto di battuta frontale.

4. Tchoukball. È uno sport di squadra che ricorda la pallamano ma ha caratteristiche differenti, a cominciare dalla porta, che, in questo caso, è un pannello di rimbalzo. Un giocatore segna un punto a favore della propria squadra se il pallone, dopo il rimbalzo sul pannello, cade nel terreno di gioco (esclusa la “zona vietata”, ovvero un semicerchio di 3 metri di raggio davanti al pannello stesso). Non si può interferire nel gioco avversario, ma solo anticiparlo, schierandosi in difesa per ricevere il rimbalzo dal pannello. Può essere giocato a squadre miste.

5. Rock-paper-scissors, carta-forbice-sasso. Negli Stati Uniti esiste la World Rock Paper Scissors Society che utilizzando le regole di questo tipico gioco d’infanzia ha organizzato un vero campionato mondiale.

Cosa vi dicevo? Conoscevate almeno uno degli sport che vi ho descritto?
Vi do un ultimo consiglio: ricordatevi che non sono necessarie approfondite ricerche, spesso basta un pizzico di creatività, per rendere originali anche le attività più ordinarie.

Buon lavoro dal Professor Strampalat!