Lo yogurt è un alimento che si ottiene dalla fermentazione del latte. Il processo consiste nel mantenere il latte per alcune ore (dalle 5 alle 7) in un grosso serbatoio riscaldato a 45°C (il fermentatore) unendo ad esso due fermenti lattici: il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus termophylus. I fermenti lattici sono microscopici batteri “buoni”, preziosi amici della nostra digestione perché aiutano l’intestino a mantenersi in forma.
 
Questi batteri sono golosissimi di lattosio, lo zucchero del latte, e mano a mano che si riproducono e lo mangiano, lo sostituiscono con l’acido lattico, che è proprio quello che dà allo yogurt quel sapore leggermente acidulo. Lo yogurt è quindi latte fermentato in condizioni particolari, grazie all’opera di batteri golosi e instancabili, al quale poi è possibile aggiungere frutta, cereali, zucchero e aromi, per renderlo ancora più gustoso e saporito.

 

 Lo sapevi?

Chi soffre di intolleranza al lattosio può consumare latte a ridotto contenuto di lattosio o yogurt. L’intolleranza al lattosio infatti è l’incapacità dell’organismo di utilizzare il lattosio, lo zucchero naturalmente presente nel latte. Nello yogurt, grazie al “lavoro” combinato dei fermenti lattici, il lattosio viene parzialmente trasformato in acido lattico, rendendolo particolarmente adatto anche ai soggetti intolleranti. Per questo le persone intolleranti al lattosio possono trovare nel latte delattosato e nello yogurt validi sostituti del latte, capaci di garantire il giusto apporto di proteine e calcio.

 
 

 Indovina un po’…
Quanti fermenti lattici contiene un grammo di yogurt?
a) almeno 10 milioni
b) almeno 10.000
c) almeno 1000
Soluzione: a) almeno 10 milioni